April 9, 2019

In tutto il mondo, un numero maggiore di persone ritiene che gli immigrati siano un punto di forza piuttosto che un fardello

L'opinione pubblica è divisa sulla volontà degli immigrati di adottare usi e costumi del paese ospitante

Immigrants take the Canadian oath of citizenship during a ceremony in Toronto. (Carlos Osorio/Toronto Star via Getty Images)
(Carlos Osorio/Toronto Star via Getty Images)

Il testo che segue è stato tradotto dall’inglese verso l’italiano.

In alcuni dei paesi che accolgono il maggior numero di migranti, la maggioranza ritiene che gli immigrati rendano più forte il loro paese, secondo un nuovo rapporto del Pew Research Center basato su dati raccolti in 18 paesi che ospitano più della metà della popolazione di migranti al mondo.

In 10 dei 18 paesi inclusi nel sondaggio, la maggioranza vede gli immigrati come un punto di forza piuttosto che un fardello. Tra questi 10, ci sono alcuni dei paesi che ricevono il maggior numero di immigrati al mondo: Stati Uniti, Germania, Regno Unito, Francia, Canada e Australia (ciascuno con più di 7 milioni di immigrati nel 2017). Per contro, la maggioranza in Ungheria, Grecia, Sudafrica, Russia e Israele vede gli immigrati come un fardello per il loro paese. Con l’eccezione della Russia, questi paesi contano ciascuno meno di 5 milioni di immigrati.

Negli Stati Uniti, il paese con il maggior numero di immigrati al mondo, sei adulti su dieci (59%) ritengono che gli immigrati rendano il loro paese più forte grazie al loro lavoro e alle loro capacità, mentre un terzo (34%) ritiene che gli immigrati siano un fardello perché occupano i loro posti di lavoro e prendono i loro benefici sociali. L’opinione sugli immigrati è cambiata negli Stati Uniti rispetto agli anni Novanta, quando la maggior parte degli americani sosteneva che gli immigrati fossero un fardello per il paese.

L’opinione sull’impatto degli immigrati è cambiata anche in sei dei paesi dell’Unione europea rispetto al 2014, ultimo anno in cui il Pew Research Center ha posto questo quesito al pubblico europeo. In Grecia, Germania e Italia, tre paesi che hanno sperimentato alti volumi di arrivi con l’ondata di rifugiati del 2015, la quota di intervistati per i quali gli immigrati rendono più forte il loro paese ha subito un calo significativo nel 2018. Per contro, l’opinione pubblica si è mossa in direzione contraria in Francia, Spagna e nel Regno Unito, paesi che hanno ricevuto un numero minore di richiedenti asilo nel 2015. In tutti e tre i paesi nel 2018 la maggioranza ha risposto che gli immigrati hanno reso più forte il loro paese, cifra che nel 2014 era all’incirca la metà.

“Abbiamo rilevato che nei paesi in cui il numero degli immigrati è più elevato la maggioranza li considera un punto di forza piuttosto che un fardello per la società”, ha detto la ricercatrice senior Ana Gonzalez-Barrera. “Al contempo, l’opinione pubblica è scettica sulla volontà degli immigrati di integrarsi nelle società che li ospitano”.

Questi sono alcuni tra i dati emersi da un sondaggio condotto dal Pew Research Center tra 19.235 intervistati tra il 14 maggio e il 10 agosto 2018 in 18 paesi.

Ecco le principali conclusioni del rapporto:

L’opinione pubblica è divisa sulla volontà degli immigrati di adottare usi e costumi del paese ospitante – In sei dei paesi di accoglienza (Giappone, Messico, Sudafrica, Stati Uniti, Francia e Svezia), l’opinione pubblica è più propensa a rispondere che gli immigrati vogliono adottare usi e costumi del paese ospitante piuttosto che a ritenere che vogliano mantenere le proprie differenze. Per contro, in otto dei paesi di accoglienza (Ungheria, Russia, Grecia, Italia, Germania, Polonia, Israele e Australia) è più alto il numero di persone che sostiene che gli immigrati vogliano mantenere le proprie differenze rispetto a quelle che ritengono che gli immigrati vogliano adottare usi e costumi del paese ospitante.

In molti paesi la maggioranza ritiene che gli immigrati che si trovano nel paese illegalmente debbano essere espulsi – In sette dei 10 paesi UE inclusi nel sondaggio, la maggioranza si dice favorevole all’espulsione degli immigrati che vivono illegalmente nel loro paese. Negli Stati Uniti, l’opinione pubblica è divisa su questa questione. Circa la metà degli intervistati (46%) è favorevole all’espulsione degli immigrati che risiedono illegalmente nel paese, mentre l’altra metà (47%) è contraria alla loro espulsione. In Messico, meno della metà del campione (43%) dice di essere favorevole all’espulsione degli immigrati che vivono illegalmente nel loro paese. Nella maggior parte dei paesi inclusi nel sondaggio, gli intervistati collocati a destra nello spettro ideologico sono più propensi ad essere favorevoli all’espulsione..

Minore preoccupazione per i crimini degli immigrati che per il rischio di terrorismo – In molti dei paesi di accoglienza, l’ampia maggioranza ritiene che gli immigrati non siano maggiormente responsabili dei crimini rispetto ad altri gruppi. Questo è il caso di Canada, Stati Uniti, Francia e Regno Unito. Solo in Sudafrica, Svezia e Grecia la maggioranza ritiene che gli immigrati siano maggiormente responsabili dei crimini rispetto ad altri gruppi. Per contro, la maggioranza in sette paesi europei (Ungheria, Grecia, Italia, Svezia, Russia, Germania e Paesi Bassi) ritiene che gli immigrati aumentino il rischio di terrorismo nel loro paese. L’opinione sull’argomento è divisa nel Regno Unito, in Australia e in Israele. In Polonia, metà dell’opinione pubblica (52%) ritiene che gli immigrati aumentino il rischio di terrorismo, mentre il 28% pensa che non aumentino il rischio di terrorismo. Ma una quota consistente degli intervistati in Polonia (19%) ha rifiutato di rispondere nell’uno o nell’altro modo.

Il rapporto completo è disponibile solo in inglese.